Prodotti chimici e protezione dell’aria: il DATEC avvia la consultazione sulla revisione di due ordinanze

- Pubblicità -

- Google NEWS -

Il 22 dicembre 2021 il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) ha avviato la consultazione sulla revisione di due ordinanze del settore ambientale. L’ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici precisa i requisiti necessari per la concessione dell’autorizzazione speciale per l’impiego di prodotti fitosanitari. La modifica dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico verte sull’adattamento dei valori limite per gli impianti per la produzione di pannelli di truciolato e di fibre di legno.

La revisione dell’ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell’utilizzazione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi (ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici, ORRPChim) regola l’impiego dei prodotti fitosanitari. La modifica intende precisare le condizioni per la concessione dell’autorizzazione peciale per l’utilizzo di prodotti fitosanitari nell’agricoltura, nel giardinaggio e nella selvicoltura, come pure in luoghi particolari, ad esempio nei campi sportivi. La concessione dell’autorizzazione speciale sarà peraltro soggetta a un esame obbligatorio. L’autorizzazione sarà rilasciata per un periodo limitato di 8 anni e un’eventuale proroga richiederà una formazione continua. Infine è prevista la creazione di un elenco complessivo delle circa 60 000 autorizzazioni speciali finora concesse.

I prodotti fitosanitari potranno essere acquistati a scopi professionali soltanto da persone titolari dell’autorizzazione speciale (attestazione). In tal modo si vuole rafforzare la gestione professionale dei prodotti chimici. Questa misura contribuisce a realizzare gli obiettivi previsti dalla Confederazione nel Piano d’azione per la riduzione del rischio e l’utilizzo sostenibile di prodotti fitosanitari volto a dimezzare i rischi relativi al loro impiego.

Un’aria più pulita nella produzione di pannelli di truciolato e di fibre di legno

La revisione dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) prevede la riduzione dei valori limite per le sostanze organiche, gli ossidi di azoto, la polvere e la formaldeide negli impianti di produzione di pannelli di truciolato. Inoltre è prevista l’introduzione di valori limite specifici per impianti di produzione di pannelli di fibre di legno. Le disposizioni dell’OIAt relative a tali impianti sono così adattate allo stato della tecnica.

L’OIAt vieta l’incenerimento di legno usato. Per essiccare trucioli e fibre si intende autorizzare l’impiego di legno usato nella produzione di energia termica. Insieme all’OIAt viene pertanto modificata anche l’ordinanza sui rifiuti (OPSR). L’impiego di legno usato, una pratica generalmente accettata nel settore a livello europeo, favorisce la salvaguardia delle risorse.

Il DATEC ha avviato il 22 dicembre 2021 la consultazione sulla revisione dell’ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici e dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico. La consultazione durerà fino al 5 aprile 2022.

- SPONSOR ticinopolitica | ti anno 2020 / 2021 / 2022

Le imprese ti attendono

STAMPA 1968 HOTEL E RISTORANTE. Storie di successo e tradizioni tramandate nel tempo

In evidenza: Festeggia il tuo capodanno da noi con musica, accoglienza e tanto divertimento....

Quando il network fa la forza. Immobiliare il Golfo, una marea di servizi, e se serve arrivano i rinforzi

Tanti immobili a disposizione, una moltitudine di servizi ma non solo: un network di...