Nel 2017, in Svizzera le spese complessive del sistema sanitario ai sensi degli standard dell’OCSE ammontavano in totale a 82,5 miliardi di franchi, ovvero al 2,6% in più rispetto all’anno precedente. Nello stesso periodo di tempo, il rapporto tra spese del sistema sanitario e prodotto interno lordo è salito dal 12,2 al 12,3%. Questi sono i risultati che emergono dalle cifre provvisorie dell’Ufficio federale di statistica (UST) sui costi e sul finanziamento del sistema sanitario nel 2017.

Nel 2017 l’aumento delle spese del sistema sanitario ammontava al 2,6%, un valore inferiore alla media annua degli ultimi cinque anni, pari al 3,4%. L’aumento del rapporto tra spese del sistema sanitario e prodotto interno lordo (PIL) a prezzi correnti è legato a una crescita della produzione economica dell’1,2%.

Un terzo delle spese supplementari è generato dagli studi medici

L’89,3% (1,9 mia. fr.) delle spese supplementari (2,6%) pari a 2,1 miliardi di franchi scaturisce dall’aumento delle spese per gli studi medici (+0,7 mia. fr.), gli ospedali (+0,6 mia. fr.), le istituzioni medico-sociali (+0,3 mia. fr.) e la categoria «Altri fornitori di prestazioni ambulatoriali» (+0,3 mia. fr.).

Per quanto concerne la crescita delle spese del sistema sanitario rispetto alla tendenza degli ultimi cinque anni (3,4%), emerge un quadro più vario considerando i singoli gruppi di fornitori di prestazioni. Mentre negli ultimi cinque anni il tasso di crescita registrato per gli ospedali (+3,5%) corrisponde alla media, esso è stato inferiore per il commercio al dettaglio (+1,8%) e superiore per gli studi medici (+4,3%), per la categoria «Altri fornitori di prestazioni ambulatoriali» (+8,0%, tra cui ad es. la fisioterapia) nonché per i fornitori di prestazioni sussidiarie (+8,7%, ad es. laboratori e salvataggio).

814 franchi al mese per la sanità

Nel 2017, per il sistema sanitario in Svizzera sono stati spesi 814 franchi al mese per abitante, vale a dire 13 franchi in più rispetto all’anno precedente. Di questi, 292 franchi pro capite (+6 fr.) sono stati coperti dalle prestazioni dell’assicurazione malattie obbligatoria, 50 franchi (+/–0) da assicurazioni sociali come l’AVS, l’AI e l’assicurazione contro gli infortuni, 29 franchi (–1 fr.) da altri enti della sicurezza sociale nonché da prestazioni sociali legate al bisogno, e 53 franchi (+/–0) dalle assicurazioni complementari. Lo Stato ha finanziato 147 franchi (+8 fr.) e altri privati hanno contribuito con 11 franchi (+/–0). Le economie domestiche hanno dovuto saldare, oltre ai premi assicurativi e alle imposte, l’importo restante di 233 franchi (+1 fr.), che comprendeva soprattutto prestazioni per case per anziani, trattamenti dentistici nonché partecipazioni ai costi ambulatoriali e stazionari per l’assicurazione malattie.