SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Berna, 21.09.2021 – Le misure del piano d’azione per la riduzione dei rischi e l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari si stanno dimostrando efficaci nella pratica. Sempre più spesso gli agricoltori non ricorrono ai prodotti fitosanitari per combattere le malerbe. La costruzione di nuovi piazzali di lavaggio garantisce una migliore prote-zione delle acque. Il nuovo rapporto annuale descrive i progressi.

Per ridurre i rischi correlati ai prodotti fitosanitari, nel 2017 il Consiglio federale ha varato un piano d’azione specifico. L’obiettivo è quello di ridurre i rischi associati all’uso di prodotti fitosanitari e di promuovere alternative sostenibili. Ogni anno gli Uffici federali dell’ambiente (UFAM), della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) nonché dell’agricoltura (UFAG), la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e Agroscope illustrano in un rapporto lo stato di attuazione delle misure. A oggi, ne sono state introdotte 29 su un totale di 51.

Protezione delle acque

Diverse misure sono finalizzate a proteggere meglio le acque. Gli agricoltori sono sostenuti con programmi di incentivazione mirati per costruire piazzali di lavaggio conformi al diritto sulla protezione delle acque. Ciò evita che i prodotti fitosanitari giungano nei corsi d’acqua o nel sistema fognario quando si pulisce l’attrezzatura. Con la costruzione di circa 200 aree conformi, nel 2020 il numero di piazzali di lavaggio sostenuti finanziariamente è triplicato. Inoltre, solo l’anno scorso quasi 1000 irriratrici sono state equipaggiate con un sistema automatico di pulizia interna.

La lotta meccanica alle malerbe si sta intensificando

Dal varo del piano d’azione sui prodotti fitosanitari, quattro anni fa, le aziende agricole hanno costantemente intensificato la lotta meccanica alle malerbe, per esempio con l’aiuto di robot da campo. L’anno scorso il 21 per cento delle superfici frutticole e viticole è stato gestito senza erbicidi e il 16 per cento delle superfici coltive aperte senza erbicidi o rinunciandovi parzialmente. Ciò corrisponde a un aumento di quasi il 30 per cento rispetto all’anno precedente. All’inizio del 2021, anche le norme per la vendita di prodotti fitosanitari a utilizzatori non professionali sono state inasprite. Inoltre, il Consiglio federale ha inviato in consultazione criteri più severi per l’autorizzazione dei prodotti non a uso professionale.

Obiettivo di riduzione sancito dalla legge

Nella primavera del 2021, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno sancito per legge gli obiettivi del piano d’azione. Inoltre, è stata ampliata la base legale per la protezione delle acque superficiali e sotterranee. Con la nuova legge federale, il Parlamento estende il campo di applicazione al di là dell’agricoltura, includendo in particolare i biocidi.