FrenchGermanItalian

Influenza aviaria: revocate le misure

- Google NEWS -

Il 1° aprile 2022 scadranno le misure applicate ai grandi insiemi di acque per la protezione del pollame da cortile dall’influenza aviaria. Il rischio di introduzione della malattia si è ridotto, poiché la maggior parte degli uccelli migratori ha lasciato i ricoveri invernali.

Quest’inverno, mentre l’influenza aviaria dilagava in tutta Europa, in Svizzera si sono ammalati solo pochi uccelli: in un’azienda avicola nel Cantone di Zurigo, nel Cantone di Sciaffusa sul Reno e nel Parco zoologico di Berna. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), d’intesa con le autorità cantonali, ha immediatamente ordinato le misure di protezione necessarie ed è stato in grado di prevenire un’ulteriore diffusione della malattia. Poiché la situazione epizootica si è calmata, le autorità veterinarie revocano le misure contro l’influenza aviaria.

Il pollame da cortile è stato protetto in modo efficace

Già lo scorso novembre le autorità veterinarie avevano imposto misure lungo i grandi insiemi di acqua dell’Altopiano svizzero dopo la comparsa di un focolaio di influenza aviaria in un’azienda avicola amatoriale nel Cantone di Zurigo. Con l’istituzione delle zone di controllo e di osservazione è stato impedito il contatto tra il pollame da cortile e gli uccelli selvatici. Attraverso misure rigorose, il Parco zoologico di Berna è stato in grado di prevenire la diffusione della malattia, scoppiata in febbraio. A Sciaffusa, la scoperta di un gabbiano morto a causa dell’epizoozia è rimasto un caso isolato.

Improbabile ulteriore diffusione in Svizzera

Le analisi dimostrano che i casi di influenza aviaria si verificano ancora in quasi tutta Europa; ciononostante, il picco dell’attuale epidemia di influenza aviaria è stato raggiunto nella seconda settimana di gennaio 2022, e ora il numero di casi è in calo. Anche il rischio di introduzione da parte degli uccelli migratori è ridotto, dato che la maggior parte di loro ha già lasciato le zone di svernamento o ha raggiunto le aree di estivazione. L’USAV continua a monitorare con attenzione la situazione epizootica. 

Anche se è estremamente improbabile che gli esseri umani vengano infettati dal virus dell’influenza aviaria, è importante seguire la seguente misura preventiva: le persone che si imbattono in carcasse di uccelli selvatici sono pregate per prudenza di non toccarle e di segnalare il ritrovamento agli organi di polizia o al guardiacaccia.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Point Service – L’azienda che crea lavoro

“l'unico modo per fare un ottimo lavoro, è amare quello che fai”. Questa frase risuona...

Ti Gesso e Pitturo, tanta qualità, personale sempre disponibile, preventivi gratuiti!

Una ditta di gessatura condotta da Tomasi Domenico titolare dell’azienda che vanta svariati successi...

Scuola guida Bellinzona, una realtà che ti assiste non solo per la patente…

Questa struttura e’ gestita da Bruno Zamborlin, classe 1973, meccanico di auto e istruttore...