SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Soluzioni digitali per sfide molteplici: insieme ai Cantoni Turgovia e Sciaffusa nonché ad Agridea, Agroscope costruisce la nuova stazione sperimentale Tecnologie intelligenti, destinata a potenziare le opportunità di digitalizzazione nell’agricoltura in modo mirato e con una finalità pratica. Un comitato consultivo composto dalle associazioni dei contadini dei due Cantoni e da Swiss Future Farm sostiene il progetto e partecipa alle attività strategiche.

Dai droni, ai robot per i campi fino ai nuovi sistemi di gestione – la digitalizzazione dell’agricoltura procede a ritmi serrati. Al contempo, serve un certo impegno per riuscire a controllare correttamente molti processi complessi della produzione agricola. Tra le finalità della nuova stazione sperimentale: comprendere meglio questi processi grazie a tecnologie intelligenti e ottimizzare le tecnologie in condizioni pratiche. La digitalizzazione è finalizzata a rendere la produzione alimentare più rispettosa delle risorse e del clima nonché più efficiente, oltre ad agevolare la gestione per le aziende. Con il sostegno dei Cantoni Turgovia e Sciaffusa, di Agridea e delle associazioni cantonali dei contadini, in questa regione Agroscope svilupperà nuove conoscenze in materia di applicazione e ottimizzazione dei processi di produzione digitali che saranno poi estese all’intera Svizzera.

Supporti digitali variati per un’agricoltura sostenibile

«Grazie alle nuove tecnologie, la produzione può diventare più sostenibile. Puntiamo a utilizzarle insieme ai capiazienda all’interno di una rete di aziende intercantonale e a potenziarle, per generalizzarne l’applicazione pratica» dichiara Ueli Bleiker, responsabile dell’ufficio dell’agricoltura di Turgovia. Insieme a Markus Leumann – suo omologo a Sciaffusa – sono convinti che la digitalizzazione sia una chiave importante per affrontare le grandi sfide dell’agricoltura, per esempio i cambiamenti climatici e strutturali, la perdita della biodiversità o i nuovi parassiti, raggiungendo al contempo obiettivi di produzione elevati. Tra i vari aspetti, i modelli basati sui dati possono servire per rilevare precocemente l’eventuale diffusione delle malattie dei vegetali, per comprendere l’andamento della mineralizzazione dell’azoto nel suolo o rilevare lo stato di salute delle vacche.

Si riuscirebbe a semplificare anche il lavoro amministrativo, grazie a sistemi automatici di registrazione. «Per noi è importante promuovere proprio questi sviluppi grazie alla stazione sperimentale e, al contempo, costruire un ponte con l’economia e la società», afferma Markus Leumann.

Concimazione azotata più precisa

La stazione sperimentale sta avviando un progetto sulla concimazione azotata adeguata alle condizioni locali, finalizzata a utilizzare le tecnologie digitali per determinare le esigenze dei vegetali e poi calibrare la concimazione delle piante in modo da garantirne una crescita ottimale. L’obiettivo è di ridurre gli effetti negativi delle eccedenze di azoto sull’ambiente. In collaborazione con il Politecnico federale di Zurigo, presso la Swiss Future Farm di Tänikon Agroscope ha gettato le basi di questo progetto nel corso di attività preliminari durate diversi anni. Stando ai risultati ottenuti si potrebbe aumentare l’efficienza dell’azoto del 15 per cento circa. Questa tecnica sarà perfezionata e implementata presso la stazione sperimentale. Secondo Ulrich Ryser, direttore di Agridea: «non vediamo l’ora di sfruttare la nostra rete e collaborare per ottimizzare il potenziale della tecnologia. Contribuiremo così a ridurre le sostanze nutritive e faremo confluire rapidamente i nuovi risultati nella pratica, in tutta la Svizzera». Le attività sono sostenute dall’Ufficio federale dell’agricoltura nell’ambito di un progetto di consulenza.

Un ponte tra ricerca, consulenza, industria e pratica

«Siamo agli inizi di uno sviluppo digitale molto promettente», sottolinea Nadja El Benni, responsabile del settore di ricerca strategico Competitività e valutazione del sistema di Agroscope. «La stazione sperimentale servirà a individuare soluzioni digitali di supporto al lavoro degli agricoltori, per consentire loro di ottenere buoni risultati. La collaborazione con i Cantoni, il settore, i professionisti e il comparto tecnologico è imprescindibile per riuscire ad applicare i risultati quanto prima». Gli esiti della ricerca sono messi a disposizione dell’agricoltura in tutta la Svizzera, in collaborazione con i partner a livello intercantonale.

***

Partner

  • Cantone Sciaffusa
  • Cantone Turgovia
  • AGRIDEA