Pubblicità

La nuova impostazione grafica del sistema di indicatori MONET 2030 permette di appurare, con una sola occhiata, lo stato di avanzamento della Svizzera sulla via per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Il mosaico non è uniforme: sebbene quasi la metà delle tessere attestino progressi, altre zone rivelano arretramenti. Questa rappresentazione dinamica, interattiva e modulabile in funzione delle esigenze di ognuno è pubblicata online dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Il sistema di indicatori MONET 2030, messo a punto per il monitoraggio dello sviluppo sostenibile in Svizzera, comprende oltre 100 indicatori che illustrano i progressi compiuti in direzione dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite così come in alcuni temi specifici della Svizzera.

La nuova impostazione grafica presenta una visione d’insieme del sistema, in cui ogni tessera colorata rappresenta un indicatore. Inoltre propone funzionalità interattive e personalizzabili che permettono agli utenti di appropriarsi, a seconda delle loro esigenze, delle informazioni concernenti lo sviluppo sostenibile.

Risultati contrastanti

Nell’insieme, l’immagine dello sviluppo sostenibile in Svizzera composta dalle tessere-indicatore si presenta nei toni del blu, del grigio o dell’arancione. La tessera è blu se l’evoluzione osservata corrisponde a quella auspicata (progressione verso l’obiettivo, qualificazione positiva), arancione nel caso contrario (evoluzione contraria all’obiettivo, qualificazione negativa), grigio scuro qualora la situazione non presenti alcuna variazione significativa (qualificazione indifferente). Il grigio chiaro significa che non è possibile fornire una qualificazione, per esempio a causa di una serie temporale troppo breve.

Al momento il mosaico restituisce un quadro tendente al blu, in quanto l’evoluzione del 47% degli indicatori è qualificata positivamente, mentre varie zone del mosaico, in particolare quelle degli obiettivi sostenibili numero 10 «Ridurre le disuguaglianze» o 15 «La vita sulla terra», sono di una tonalità di arancione. Infatti gli indicatori che appartengono a questi due OSS presentano perlopiù un’evoluzione opposta allo sviluppo sostenibile.

Un mosaico modulabile

Le tessere-indicatore possono essere combinate secondo vari punti di vista. L’utente di Internet può prendere visione delle informazioni attraverso le diverse porte d’ingresso al sistema di indicatori MONET 2030, scegliendo dei temi che riducono il numero di indicatori presentati. L’utente può focalizzarsi, ad esempio, sugli indicatori relativi all’Agenda 2030 o su quelli riguardanti gli approcci trasversali, come la parità di genere o la coesione sociale. Può inoltre riorganizzare le tessere-indicatore, individuando alcune tendenze.

Tessere sintetiche e interconnesse

Ogni tessera contiene i dati essenziali dell’indicatore: su un lato reca il suo nome e sull’altro un grafico molto semplificato che raffigura l’andamento temporale, una freccia che indica l’evoluzione auspicata in base agli obiettivi di sviluppo sostenibile e un colore che qualifica l’evoluzione osservata. Cliccando su una qualsiasi tessera, si accede all’informazione completa fornita dall’indicatore corrispondente, costituita da testi esplicativi, grafico dettagliato, dati e metadati.

Informazioni statistiche alla portata di tutti

La nuova rappresentazione grafica mira a rendere l’informazione statistica più accessibile e più attraente, in modo da catturare un pubblico diverso. È in linea con le pratiche relative a Road to Bern, una serie di eventi e iniziative che si prefigge di mettere in luce il ruolo della statistica pubblica nel misurare lo sviluppo sostenibile in vista del prossimo Forum mondiale delle Nazioni Unite sui dati (UNWDF), che si terrà a Berna dal 18 al 21 ottobre 2020. Uno degli obiettivi dell’evento è proprio l’aspetto dell’accessibilità dei dati, riassunto nella massima «dati da tutti per tutti».

Informazioni complementari si trovano nel PDF seguente.
Tessere colorate per comporre il mosaico dello sviluppo sostenibile in Svizzera

Pubblicità