FrenchGermanItalian

Il consigliere federale Cassis si impegna per la protezione del clima in Pakistan durante la conferenza dell’ONU

- Google NEWS -

Oggi, a Ginevra, il consigliere federale Cassis ha partecipato alla conferenza dell’ONU sulle catastrofiche conseguenze delle inondazioni in Pakistan. Alla luce dell’emergenza venutasi a creare nell’estate del 2022, la Svizzera ha stanziato quattro milioni di franchi per l’aiuto umanitario e ha messo a disposizione altri sei milioni di franchi per aiutare il Pakistan a gestire la situazione dei profughi. A margine della conferenza, il consigliere federale Cassis ha preso parte a vari colloqui bilaterali, uno dei quali con il segretario generale dell’ONU António Guterres.

Il segretario generale dell’ONU António Guterres e il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif hanno invitato la comunità internazionale a Ginevra per un incontro ministeriale finalizzato a far conoscere l’emergenza climatica in Pakistan e a individuare ulteriori misure per sostenere il Paese. Stando alle stime dell’ONU, un terzo del Pakistan è stato colpito dalle inondazioni, circa 15 000 persone hanno perso la vita o sono rimaste ferite e gli sfollati interni sono 33 milioni. Si ritiene inoltre che più di un milione di abitazioni, 13 000 chilometri di autostrade, 410 ponti e 2,2 milioni di ettari di terreni agricoli siano stati distrutti o danneggiati. Queste inondazioni sono l’indice della situazione sempre più minacciosa a cui è esposta la regione.

Il consigliere federale Cassis invita alla cooperazione transfrontaliera

Il consigliere federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha dato il benvenuto alla comunità internazionale in veste di rappresentante dello Stato ospite e ha invitato alla cooperazione transfrontaliera: «Dobbiamo agire insieme per garantire la migliore protezione possibile agli Stati e ai gruppi della popolazione più vulnerabili».Il know-how della Svizzera sul campo

Un team di esperte ed esperti dell’Aiuto umanitario svizzero si è tempestivamente recato in Pakistan nell’estate del 2022, dove per tre mesi ha lavorato alla ricostruzione di scuole, impianti idrici e ponti a vantaggio di 30 000 persone nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa, situata nel Nord-Ovest del Paese. Il contributo svizzero alle attività di aiuto umanitario in Pakistan è stato complessivamente di oltre dieci milioni di franchi svizzeri, quattro dei quali versati dalla Confederazione. Helvetas e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni hanno affiancato la Svizzera nella fornitura di soccorsi. Per aiutare il Pakistan ad affrontare la crisi di profughi provenienti dal vicino Afghanistan, il nostro Paese mette inoltre a disposizione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (ACNUR) un contributo di sei milioni di franchi. In Pakistan sono registrati circa 1,5 milioni di profughi afghani.

Durante la conferenza, il consigliere federale Cassis ha incontrato il segretario generale dell’ONU António Guterres e il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif. I colloqui con il segretario generale dell’ONU si sono focalizzati sui primi passi della Svizzera nel quadro del suo seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU. Guterres e Cassis hanno discusso delle quattro priorità del nostro Paese nel Consiglio, ovvero promuovere una pace duratura, proteggere la popolazione civile, migliorare l’efficienza in seno al Consiglio di sicurezza e affrontare la questione della sicurezza climatica. Riguardo all’impegno della Svizzera per proteggere i civili, il segretario generale dell’ONU e il consigliere federale Cassis hanno ricordato anche le Convenzioni di Ginevra. Con il primo ministro pakistano Sharif, Cassis ha parlato degli aiuti umanitari di emergenza forniti dalla Svizzera e dell’urgenza di una risposta regionale alle crisi legate ai cambiamenti climatici e ai flussi di profughi nell’Asia meridionale. Ha inoltre sollecitato la sottoscrizione in tempi rapidi di un memorandum of understanding per la gestione dei rischi di catastrofi. Il primo ministro Sharif ha assicurato che la firma avverrà quanto prima per formalizzare la cooperazione tra la Svizzera e il Pakistan nella loro risposta congiunta alle catastrofi.

L’Asia meridionale è particolarmente colpita dai cambiamenti climatici

L’Asia meridionale è particolarmente colpita dai cambiamenti climatici. L’innalzamento del livello del mare e le inondazioni minacciano gli Stati costieri come il Bangladesh, l’India, il Pakistan e lo Sri Lanka. I Paesi senza sbocco sul mare, come l’Afghanistan, il Bhutan e il Nepal, devono invece fare i conti con l’aumento delle temperature, la siccità e lo scioglimento dei ghiacciai. Nella regione si trova anche il Paese più basso del mondo in termini di altitudine media: l’arcipelago delle Maldive. Per questo Stato insulare densamente popolato l’innalzamento del livello del mare rappresenta una questione di vitale importanza. In passato, durante i quattro mesi di monsone che interessavano l’Asia meridionale, si registrava l’80 per cento delle precipitazioni annue. I cambiamenti climatici hanno accelerato questo ciclo dell’acqua, portando a precipitazioni estreme in brevi lassi di tempo alternati a periodi di siccità.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

DI-ME Edilservizi Sagl – Servizi edili, manutenzione e riattazione stabili

DI-ME Edilservizi Sagl è un'impresa di costruzioni attiva nel Luganese e Mendrisiotto. Esegue diversi...

OTTICA BISTOLETTI E OPTOMETRIA SA: UNA LUNGA TRADIZIONE PER IL BENESSERE DELLA VISTA

Quando si parla di OTTICA BISTOLETTI, il pensiero corre immediatamente al noto negozio che...

Auto Vonk: passione e competenza al servizio dell’automobile

Acquistare un’automobile nuova oppure usata, effettuare la manutenzione, oppure comprare o noleggiare un camper...