SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

A fine 2024 il sistema di rilevazione utilizzato in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein per la riscossione della tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP) giungerà alla fine del suo ciclo di vita. Il Consiglio federale intende pertanto sostituire, nel 2025, l’attuale tecnica di rilevazione, puntando all’armonizzazione del nuovo sistema TTPCP III con il sistema europeo. In occasione della sua seduta dell’11 agosto 2021 esso ha quindi avviato la procedura di consultazione concernente il rinnovo dell’infrastruttura tecnica relativa alla tassa sul traffico pesante.

Dalla sua introduzione nel 2001, la tassa sul traffico pesante è riscossa mediante un apparecchio di rilevazione dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD) autorizzato esclusivamente a tal fine in Svizzera e nel principato del Liechtenstein. Sia questi apparecchi sia l’infrastruttura installata sulle strade devono essere rinnovati a fine 2024, per motivi legati all’età del sistema. Con l’introduzione del servizio europeo di telepedaggio (SET), l’UE ha creato standard uniformi a livello europeo per la riscossione del pedaggio, semplificando e velocizzando la percezione della tassa, soprattutto nel traffico transfrontaliero.

Il Consiglio federale intende armonizzare la TTPCP III al SET e adeguare in tal senso la legge e l’ordinanza sul traffico pesante a partire dal 1° gennaio 2024. In questo modo l’AFD non deve più occuparsi dello sviluppo e della consegna degli apparecchi di rilevazione. Inoltre, è possibile semplificare, digitalizzare e automatizzare ancor più tutti i processi. Grazie a queste modifiche le imprese di trasporto beneficiano di sgravi amministrativi e, ricorrendo a un fornitore del SET, possono pagare la tassa anche nei Paesi europei.

L’armonizzazione con il SET non influisce sulla tariffa della tassa, sull’obbligo fiscale, sugli ordinamenti speciali o sull’impiego delle entrate. Una novità è tuttavia costituita dalla tassazione dei rimorchi sulla base del numero di assi, come avviene negli altri Paesi europei, anziché sulla base del peso totale autorizzato. Questa modifica non inciderà sulle entrate.