SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il Presidente della Confederazione Guy Parmelin ha incontrato giovedì 28 ottobre 2021 i presidenti e i rappresentanti di Governo rispettivamente di Israele e del Territorio palestinese occupato. I colloqui si sono incentrati sulla cooperazione bilaterale nei settori economico e scientifico e sulla promozione della pace della Svizzera. In Israele si è parlato anche di cooperazione in materia di promozione dellʼinnovazione, mentre nel Territorio palestinese occupato si è posto lʼaccento sulla questione riguardante la creazione di posti di lavoro per i giovani.

In occasione degli incontri che il Presidente della Confederazione ha avuto con il Presidente israeliano Isaac Herzog e il Primo ministro Naftali Bennett, le due parti hanno elogiato le relazioni bilaterali che intercorrono fra la Svizzera e Israele e che sono state recentemente estese e approfondite, in particolare nei settori dellʼeconomia e della scienza. La strategia della Svizzera per il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) per il periodo che va dal 2021 al 2024 prevede, fra lʼaltro, un ulteriore consolidamento delle relazioni economiche con Israele, una particolare considerazione delle questioni legate allʼinnovazione e il sostegno della Svizzera al dialogo e alla pace. Il Presidente della Confederazione Guy Parmelin ha sottolineato che gli accordi di normalizzazione conclusi nellʼautunno del 2020 fra Israele e vari Stati del Golfo hanno aperto nuove prospettive per lʼintera regione e per la cooperazione con la Svizzera.

Riguardo al conflitto in Medio Oriente, il Presidente della Confederazione ha riaffermato la volontà della Svizzera di impegnarsi nella regione in favore del dialogo e della pace. Parmelin ha salutato la ripresa, avvenuta la scorsa estate, del dialogo fra le autorità israeliane e le autorità palestinesi, considerandola un primo passo importante. Il Presidente della Confederazione ha esortato le due parti al rispetto del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani e a intervenire su quelle che sono le cause del conflitto.

Anche in occasione dellʼincontro con il Presidente palestinese Mahmud Abbas, il Presidente della Confederazione ha sottolineato il sostegno apportato dalla Svizzera a un dialogo che ha per obiettivo lʼattuazione della soluzione a due Stati. È tuttavia essenziale, ha aggiunto Parmelin, che i territori palestinesi della Striscia di Gaza e della Cisgiordania superino le loro divisioni. In base alla strategia MENA, uno degli obiettivi della Svizzera è di accrescere la resilienza della popolazione del Territorio palestinese occupato al fine di ridurre la sua dipendenza dagli aiuti umanitari e di creare nuovi posti di lavoro e prospettive per il futuro. Giovedì entrambe le parti hanno riconosciuto i passi già intrapresi per rafforzare le relazioni economiche bilaterali. Si è anche discusso di ciò che la Svizzera può fare per migliorare il mercato del lavoro per i giovani palestinesi. Successivamente, il Presidente della Confederazione ha incontrato alcuni rappresentanti del Consiglio commerciale congiunto Svizzera-Palestina, fondato nel 2020, e del settore dellʼinnovazione. 

La prossima tappa del viaggio in Medio Oriente del Presidente della Confederazione è lʼEsposizione universale di Dubai, nellʼambito della quale Guy Parmelin parteciperà alla Giornata nazionale svizzera di venerdì, visitando il padiglione nazionale. Sono previsti colloqui con il Governo degli Emirati Arabi Uniti.