FrenchGermanItalian

Ucraina: Decise dal Consiglio federale alcune misure per garantire l’approvvigionamento di gas per l’inverno 2022/23

- Google NEWS -

Nella sua seduta del 4 marzo 2022 il Consiglio federale ha preso atto della situazione sui mercati energetici europei dopo l’invasione russa dell’Ucraina e delle sue conseguenze sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico della Svizzera. Allo stato attuale delle conoscenze quest’ultimo è assicurato per l’inverno ancora in corso. Tuttavia, la volatilità dei mercati energetici causata dalla crisi e dalle sanzioni economiche imposte rischia di indebolire la sicurezza dell’approvvigionamento per il prossimo inverno 2022/23. Il Consiglio federale ha pertanto incaricato il DATEC e il DEFR, insieme alla COMCO, di assicurare che il settore svizzero del gas possa procurarsi insieme il più rapidamente possibile gas, capacità di stoccaggio del gas, gas naturale liquefatto (GNL) e capacità nei terminali GNL.

Dal punto di vista attuale la sicurezza dell’approvvigionamento in Svizzera per l’inverno 2021/2022 è garantita nonostante l’elevato livello dei prezzi. Rimane tuttavia un certo rischio residuo in caso di lunghi periodi imprevisti di inattività delle centrali elettriche o di un periodo prolungato di grande freddo, così come in caso di interruzione della fornitura di gas russo verso l’Europa. La ElCom monitorerà la situazione in collaborazione con altre autorità competenti, ossia l’Ufficio federale dell’energia (UFE) e l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (UFAE) nonché con Swissgrid.

Il Consiglio federale vuole aumentare rapidamente la resilienza dell’approvvigionamento di elettricità e gas in Svizzera in vista del prossimo inverno 2022/23. A questo riguardo ha già deciso, il 17 febbraio 2022, di creare una riserva di energia idroelettrica, che sarà disponibile per tempo.

Ora, dopo aver discusso con il settore del gas, il Consiglio federale ha deciso di adottare alcune misure precauzionali anche in tale ambito. Queste misure sono necessarie perché la Svizzera non dispone di grandi impianti di stoccaggio del gas e dipende da importazioni continue, quindi dal mercato internazionale del gas. A causa della crisi attuale l’UE e molti Paesi europei stanno cercando opzioni di approvvigionamento alternative e supplementari per il prossimo inverno. Si stanno compiendo sforzi per riuscire a coordinare l’approvvigionamento di gas e GNL a livello UE. Inoltre gli Stati membri dell’UE dispongono già di accordi di solidarietà per la fornitura reciproca di gas in situazioni di emergenza. La Svizzera non fa parte di questo sistema.

In un simile contesto il Consiglio federale ha creato le condizioni che permettono al settore svizzero del gas di procurarsi rapidamente capacità di stoccaggio supplementari all’estero nonché gas, GNL e capacità nei terminali GNL. Siccome, viste le quantità ingenti, tali acquisti potranno essere fatti solo congiuntamente dalle imprese del gas, sono necessari accordi intrasettoriali. Nella sua seduta odierna il Consiglio Federale ha quindi deciso che il settore potrà procedere subito con gli acquisti congiunti, senza dover temere conseguenze sotto il profilo della legislazione antitrust. Il Consiglio federale si aspetta ora che il settore agisca come necessario.

Il DATEC e il DEFR, in collaborazione con la COMCO e il settore del gas, presenteranno al Consiglio federale entro la fine di aprile 2022 le ulteriori modalità con cui intendono procedere.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

SP Color SA – l’arte di lasciare il cliente sempre soddisfatto

Crepe e muffe sono un problema tanto comune quanto stressante per i proprietari di...

Ferrari segnaletica – Prodotti per la sicurezza e l’edilizia

In tutte le nostre strade ci sono degli elementi di cui non potremmo farne...

Impresa pagliaro Sagl

Da oltre 30 anni il fondatore opera con successo prevalentemente nel Comasco, costruendosi un...