I Verdi del Ticino sostengono i referendum a livello nazionale contro la nuova legge sulla caccia, contro la carta d’identità elettronica e contro le deduzioni fiscali per le famiglie ricche.

I Verdi del Ticino sostengono il referendum federale contro la nuova legge sulla caccia. Questa non tutela più sufficientemente diverse specie animali come il lupo, ma anche la lince o il castoro, permette l’abbattimento preventivo dei capi e delega ai cantoni importanti decisioni finora di competenza federale. Animali protetti verrebbero decimati in base a pressioni politiche, senza che abbiano causato danni e prima che misure preventive siano state adottate.

I Verdi del Ticino sostengono anche il referendum federale contro la carta di identità elettronica, perché secondo il progetto del Consiglio Federale le società private verrebbero autorizzate ad emettere i passaporti digitali e quindi a gestire dati sensibili della popolazione svizzera.

I Verdi del Ticino sosterranno anche il referendum contro le deduzioni fiscali federali per le famiglie visto che andranno a beneficio solo delle famiglie ricche che non ne hanno bisogno. Le mancate entrate causate da queste deduzioni ridurranno le risorse finanziarie a disposizione dello Stato per veramente sostenere le famiglie in difficoltà.