Antica dimora del ‘700, integra atmosfere romantiche e moderni comfort, dando il benvenuto a quanti oggi scelgono di soggiornarvi.La serenità e la bellezza garantite dall’ampio parco storico e dal giardino all’italiana con suggestiva veduta sino al Monte Rosa e al lago di Varese, rendono questa realtà unica nel contesto prealpino. Offre un vasto e accurato servizio di ristorazione e albergo, anche in connessione all’organizzazione di convegni e meeting per aziende, congressi, tavole rotonde, eventi nuziali e banchetti. Promuove momenti e percorsi di formazione teologica e culturale, ritiri spirituali per gruppi e famiglie e visite guidate alla Collezione d’Arte e al Parco storico. Nei suoi capolavori si racconta una splendida storia di mecenatismo, di generosità e di condivisione, di orizzonti culturali europei e di passione per la conservazione del patrimonio artistico di una famiglia; la famiglia Cagnola che, donando l’antica villa nel 1946, l’ha resa fruibile e aperta.

Ristorante:

Il Ristorante “Il Conte di Villa Cagnola”, mette a disposizione dei suoi ospiti un’ottima cucina interna, attenta ad ogni esigenza. Lo Staff della Villa predispone con competenza un’ampia linea di servizi ristorativi, dal coffee break alla colazione di lavoro, dal semplice aperitivo, a rinfreschi strutturati, fino ad arrivare alla puntuale organizzazione di eventi nuziali. La zona dehors, attigua al giardino all’italiana, è ideale per fermarsi ad assaporare i prodotti della cucina, o anche solo per sorseggiare una bevanda in completa tranquillità, immersi in un parco secolare di 27 ettari. Il Bar è sempre disponibile.

Hotel:

Villa Cagnola propone un’offerta completa, attraverso una molteplicità di servizi che si fondono ottimamente l’uno con l’altro. Ogni proposta viene adattata alle esigenze e ai desideri del cliente. Dispone di 70 camere per un totale di 120 posti letto. La Villa dispone di parcheggio gratuito interno.

Congressi:

Riunioni, corsi di formazione, congressi, team building in & outdoor, Villa Cagnola, attraverso un’offerta poliedrica di servizi, riesce a soddisfare ogni richiesta della committenza. Sale riunioni attrezzate da 10 a 160 posti. La cucina interna, si propone validamente a supporto di ogni evento congressuale.

Collezione d’Arte:

La Collezione d’Arte di Villa Cagnola contiene una delle più belle raccolte private di dipinti su tela e su tavola, perlopiù a fondo oro, di pittori toscani e veneti del Trecento e Quattrocento e lombardi del Quattro e Cinquecento. Comprende anche una delle più ricche e complete raccolte di ceramiche: maioliche e porcellane europee ed orientali, che spazia dall’inizio del Trecento alla fine dell’Ottocento percorrendo in un viaggio immaginario gli stati dell’Europa occidentale sino ad arrivare in Estremo Oriente. Notevoli sono anche i numerosi arazzi fiamminghi e francesi, i preziosi mobili antichi, le placchette in bronzo e le sculture. Tra i dipinti più antichi della Collezione Cagnola sono presenti opere di Jacopo Bellini, Vivarini, Ercole de’ Roberti,  Bergognone,  oltre al cosiddetto Maestro della Madonna Cagnola (Zanetto Bugatto). Nell’ambito della pittura del Seicento citiamo due tele di Abraham Breughel, mentre tra i dipinti del Settecento spiccano Pietro Longhi e, con diverse opere, Francesco Guardi. Nella sezione della Collezione Cagnola dedicata alle Sculture trovano spazio la statuaria vera e propria con opere in marmo, terracotta, legno e bronzo, ma anche oggetti d’arte di vario genere (tra i quali spicca la Croce Cagnola del 1583) e una pregevole collezione di 97 placchette in bronzo databili tra Quattro e Cinquecento. Tra gli autori troviamo nomi come Antonio Rosellino, Giambologna, Pietro Bernini, Alessandro Algardi e Vincenzo Vela. Gli arazzi della Collezione Cagnola sono 21, tutt’ora distribuiti tra le sale del museo e l’invaso dello scalone, come si presentavano ai visitatori dell’edificio quando ancora lo abitava Guido Cagnola. E’ una raccolta ampia e varia per stili e temi, da annoverare tra le principali del genere in Lombardia, e comprende panni di fattura fiamminga (tranne uno di provenienza francese), databili tra l’inizio del Cinquecento e la prima metà del Settecento. I mobili della collezione Cagnola sono tutt’ora inseriti negli ambienti della villa antica, alcuni dei quali adibiti a museo, e costituiscono parte integrante dell’arredamento. Vi sono rappresentate tutte le principali epoche dal Cinquecento all’Ottocento con una predominanza di mobili lombardi. Troviamo cassoni, stipi monetieri e numerosi tavoli con piani in commesso di marmo, in scagliola oppure intarsiati ebano e avorio o in legni di varie essenze. La collezione Cagnola possiede una notevolissima raccolta di ceramiche (maioliche, porcellane, ecc.), di cui i Cagnola, soprattutto Carlo, erano collezionisti sistematici ed enciclopedici. La si può considerare tra le prime in Italia per varietà, completezza e qualità di alcuni oggetti. Vi sono maioliche delle più importanti manifatture italiane tra Cinque e Settecento, porcellane italiane ed europee con Meissen e Doccia in testa, rare ceramiche orientali (tra le quali alcuni straordinari celadon). 

Il parco:

Villa Cagnola gode di una splendida vista panoramica sul lago di Varese e l’arco prealpino e alpino, su cui troneggia l’imponente Monte Rosa.  Il parco, raccorda il piano alto su cui è situata la Villa con l’ampia vallata sottostante, grazie a una struttura che ne esalta gli aspetti scenografici. Fu risistemato dal Carlo Cagnola che creò le aiuole del giardino all’italiana e lo impostò alla maniera dei grandi parchi romantici (1856-1860),  cui si può far risalire anche l’impianto attuale. Un sistema articolato di viali si sviluppa dalla Villa verso il parco consentendo di effettuare piacevoli passeggiate, immersi nella natura. In sintonia con la moda del XIX secolo che favorì la massiccia introduzione di specie esotiche frutto di un collezionismo botanico e di nuove progettazioni paesaggistiche per le dimore di delizia, anche a Villa Cagnola è possibile ammirare esemplari arborei monumentali dal portamento maestoso. Il parco è ricco di essenze pregiate. Dal gigantesco Cedro del Libano, alla Sophora japonica, ai cedri dell’Himalaya e d’Atlante, al maestoso gruppo di Liriodendron Tulipifera meglio conosciuto come albero dei tulipani, oltre a magnolie, platani, faggi, aceri giapponesi, querce rosse, Chamaecyparis, Calocedri, pini e sequoie. Liriodendri, Liquidambar della costa atlantica statunitense; le Querce americane, i maestosi Faggi, il gruppo di Fagus penduli, gli Aceri americani e giapponesi.

Maggiori informazioni:

Villa Cagnola

Via Cagnola, 21, 21045 Gazzada Schianno VA, Italia

Telefono  +39 0332 461304

Web villacagnola.it