La presidente del Consiglio nazionale Isabelle Moret (PLR, VD) ha ricevuto lunedì 9 marzo 2020 il presidente del Parlamento d’Ucraina nell’ambito di una visita ufficiale a Berna.  Si tratta del primo incontro interparlamentare ufficiale dopo le elezioni legislative in Ucraina, tenutesi nel luglio 2019. All’ordine del giorno delle discussioni vi erano in particolare le relazioni bilaterali fra i due Paesi e la situazione politica in Ucraina.

Lunedì 9 marzo 2020, la presidente del Consiglio nazionale Isabelle Moret ha accolto a Berna il presidente del Parlamento ucraino, Dmytro Razumkov, in visita ufficiale in Svizzera. L’ultimo incontro fra i presidenti dei due Parlamenti risale al 2016, in occasione della visita ufficiale a Kiev dell’allora presidente del Consiglio nazionale, Christa Markwalder (PLR/BE), su invito del suo omologo ucraino.

Il presidente del Parlamento ucraino Dmytro Razumkov e la sua delegazione sono stati in seguito ricevuti dal presidente del Consiglio degli Stati Hans Stöckli (PS/BE) e dalla seconda vicepresidente del Consiglio nazionale, Irène Kälin (Verdi/AG). Si tratta del primo incontro ufficiale interparlamentare dopo le elezioni legislative in Ucraina, tenutesi nel luglio 2019. Oltre a discutere delle recenti elezioni ucraine, le due delegazioni hanno approfondito l’attuale situazione politica nel Paese e lo stato delle relazioni bilaterali con la Svizzera, cogliendo altresì l’occasione per uno scambio sullo stato dei processi di riforma e sulle prospettive di sviluppo economico in Ucraina.

Dmytro Razumkov ha inoltre ringraziato la Svizzera per il sostegno accordato negli ambiti della cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario. La delegazione ucraina ha sottolineato inoltre l’importanza delle relazioni a livello parlamentare, esprimendo la volontà di intensificare e sviluppare gli scambi con il Parlamento svizzero.

Nell’ambito del programma della visita, il presidente del Parlamento ucraino è stato inoltre ricevuto per una visita di cortesia dalla presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga.

La Svizzera e l’Ucraina hanno avviato relazioni diplomatiche, seguite immediatamente dall’apertura di un’ambasciata di Svizzera in Ucraina e un’ambasciata ucraina in Svizzera, subito dopo la proclamazione dell’indipendenza del Paese, nel dicembre del 1991. La politica della Svizzera in Ucraina riguarda vari ambiti ma si concentra in particolare su due priorità: il sostegno al processo di riforma e la ricerca di una soluzione pacifica al conflitto armato nell’Est dell’Ucraina. I due Paesi discutono, tramite uno scambio costante, delle modalità di promozione della stabilità e della prosperità in Ucraina attraverso la cooperazione tecnica, la politica di pace, la collaborazione economica e l’aiuto umanitario.

Pubblicità