FrenchGermanItalian

24 ore su 24 le notizie politiche del Canton Ticino e della Svizzera

Editoriale redatto da giornalisti iscritti al Registro FIG e accreditati presso il Consiglio di Stato del Canton Ticino.

Nuova politica regionale: il Consiglio federale vuole cofinanziare i piccoli progetti infrastrutturali

- Pubblicità -

Nel quadro della Nuova politica regionale (NPR) alcuni piccoli progetti infrastrutturali potranno essere finanziati mediante contributi a fondo perso. Verranno selezionati i progetti in grado di generare impulsi positivi per lo sviluppo economico delle aree rurali e delle regioni montane. Il 22 febbraio 2023 il Consiglio federale ha preso visione dei risultati della consultazione e trasmesso al Parlamento il disegno di legge federale con relativo messaggio.

Le infrastrutture di sviluppo che creano valore aggiunto in una regione rivestono un’importanza centrale ai fini dello sviluppo economico delle aree rurali e delle regioni montane. Il finanziamento di questi progetti infrastrutturali è pertanto un elemento cardine della Nuova politica regionale (NPR), che sostiene le aree rurali, le regioni montane e le regioni di frontiera nel loro sviluppo economico. Da un’indagine ad ampio raggio è emerso che gli attuali strumenti di promozione degli investimenti sono validi: per questo motivo è opportuno mantenerli per la maggior parte dei progetti di investimento, ricorrendo ai mutui come è stato fatto finora.

L’esperienza ha però anche mostrato che i mutui non sono uno strumento adeguato a sostenere i piccoli progetti infrastrutturali, perché questi ultimi per i loro gestori non generano direttamente flusso di cassa oppure lo fanno soltanto in misura marginale. Tuttavia, per l’economia di una regione le piccole infrastrutture possono essere importanti, se sul piano commerciale avvantaggiano anche altri attori economici. Con la modifica della legge, questi piccoli progetti infrastrutturali potranno beneficiare, seppure in misura limitata, anche di contributi a fondo perso in tutto il perimetro della NPR.

La partecipazione della Confederazione ai contributi a fondo perso ammonta a un massimo di 50 000 franchi a progetto: limitando l’importo ci si assicura che il contributo venga destinato unicamente ai piccoli progetti. Per i progetti più importanti vanno utilizzati altri canali di finanziamento, ricorrendo al settore privato, alla perequazione finanziaria o eventualmente ai mutui NPR. Sono esclusi anche i cosiddetti progetti infrastrutturali di base.

Dal 2020, nel quadro delle misure pilota NPR per le regioni montane, questo approccio viene testato con successo in 16 Cantoni.  Grazie ai finanziamenti della Confederazione – per un massimo di 50 000 franchi a progetto – a cui si aggiungono i contributi cantonali, questa misura pilota NPR è riuscita a mobilitare degli operatori che in precedenza, per mancanza di un sostegno iniziale, non potevano realizzare le loro idee rilevanti al sviluppo economico.

- Pubblicità -

CH PRESS LIVE

- Pubblicità -

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

DE SANTIS ANNALISA, FARMACISTA E NUTRIZIONISTA: UN PROFILO PROFESSIONALE DI SUCCESSO NEL CAMPO DELLA SALUTE E DEL BENESSERE

Nel vivace panorama della salute e del benessere, Annalisa De Santis emerge come figura...

Un falegname in Canton ticino? Falegnameria Espo – Dove il legno è protagonista e la cura dei dettagli è un obbligo

La Falegnameria Espo è una piccola impresa, una bottega artigianale, che sta crescendo sul...

CeresaOttica, il nostro negozio, la passione per ciò che facciamo, i nostri clienti!

Nel centro della città di Lugano troviamo l’ottico che non lascia spazio alle interpretazioni,...

- Pubblicità -