FrenchGermanItalian

24 ore su 24 le notizie politiche del Canton Ticino e della Svizzera

Editoriale redatto da giornalisti iscritti al Registro FIG e accreditati presso il Consiglio di Stato del Canton Ticino.

BRICS: La Borsa di Mosca sospende gli scambi in dollari USA ed euro

- Pubblicità -

In reazione a una nuova serie di sanzioni contro la nazione BRICS, la Borsa di Mosca ha interrotto tutte le transazioni in dollari statunitensi ed euro. Il principale mercato finanziario del paese, che è a capo dei BRICS per il 2024, ha annunciato che sia il trading azionario che quello sul mercato monetario in queste valute saranno sospesi.

Questa decisione è stata presa in seguito alle nuove sanzioni finanziarie imposte dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti contro la Russia. L’agenzia ha sanzionato oltre 300 entità, sottolineando in un comunicato che mira a colpire “l’infrastruttura finanziaria fondamentale” del paese.

La Borsa di Mosca interrompe le negoziazioni in dollari USA ed euro dopo le nuove sanzioni americane

L’alleanza economica BRICS ha intensificato i suoi sforzi per ridurre la dipendenza dal dollaro nell’economia globale, a causa della crescente militarizzazione e politicizzazione delle valute occidentali. Questi sforzi sono continuati oggi, con una nazione dell’alleanza che ha reagito alla nuova sanzione imposta.

Infatti, la Borsa di Mosca del paese BRICS ha bloccato le negoziazioni in dollari statunitensi ed euro dopo che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato nuove sanzioni. La principale borsa del paese aveva già avvertito che le negoziazioni sarebbero state sospese nel caso di nuove sanzioni. Oggi, la borsa russa ha dovuto rispettare questa promessa. Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha dichiarato che le sanzioni mirano a colpire “le vie rimanenti per materiali e attrezzature internazionali, comprese le forniture critiche da paesi terzi”. Inoltre, il Tesoro ha avvisato che potrebbero essere imminenti ulteriori sanzioni contro altre nazioni.

Secondo Reuters, la Banca centrale russa ha rilasciato una dichiarazione in cui assicura che tutti i fondi in dollari statunitensi ed euro “rimangono sicuri”. Hanno inoltre precisato che la decisione è una conseguenza delle “misure restrittive” introdotte dagli Stati Uniti. La decisione è stata presa dopo un importante accordo commerciale con l’alleanza BRICS, che ha annunciato la sua intenzione di regolare gli scambi nelle valute nazionali, riducendo la dipendenza dal dollaro. Tutti i membri dell’alleanza, insieme ad altri sei paesi, sono stati inclusi nell’accordo.

Questa mossa rappresenta un ulteriore passo verso la de-dollarizzazione e un allontanamento dalle valute occidentali, rafforzando la cooperazione economica tra i membri BRICS e i loro alleati.

- Pubblicità -

CH PRESS LIVE

- Pubblicità -

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

PIZZAROTTI SA – Costruttori di certezze!

Da più di 25 anni presenti nel territorio svizzero siamo orientati e preparati alle...

CHIARA STYLE SALONE UNISEX: IL SALONE DI PARRUCCHIERI UNISEX CHE CURA LA SALUTE DEI CAPELLI A CHIASSO

Il mondo della bellezza e della cura dei capelli è in costante evoluzione, con...

GROTTO FLORA: CONVIVIALITÀ E ACCOGLIENZA DAL 1920

Subito dopo la Prima Grande Guerra, la voglia di rinascita era tanta. Quindi, nei...

- Pubblicità -