FrenchGermanItalian

24 ore su 24 le notizie politiche del Canton Ticino e della Svizzera

Editoriale redatto da giornalisti iscritti al Registro FIG e accreditati presso il Consiglio di Stato del Canton Ticino.

Rapporto sulla politica economica esterna 2023: La Svizzera in un contesto geopolitico globale in evoluzione

- Pubblicità -

Nel rapporto del Consiglio federale sulla politica economica esterna del 2023, si evidenzia l’influenza delle tensioni geopolitiche globali sulle scelte economiche della Svizzera.

Il contesto internazionale, caratterizzato da crescenti tensioni geopolitiche tra le principali potenze economiche, ha spinto molti Paesi a riconsiderare le loro interdipendenze e a rimpatriare alcuni settori economici critici. Questa mossa mira a ridurre i rischi per la politica economica e di sicurezza, soprattutto in vista della decarbonizzazione. In risposta a ciò, le potenze economiche stanno adottando iniziative di politica industriale con programmi di sovvenzione su larga scala, le cui implicazioni possono essere sia positive che negative per l’economia svizzera.

La Svizzera, con la sua economia altamente specializzata e la dipendenza dalle catene del valore internazionali, si sforza di posizionarsi come attore indipendente in questo contesto geopolitico complesso. Per mantenere condizioni quadro favorevoli all’economia, la Svizzera si affida a strumenti collaudati, come l’apertura economica, la regolamentazione propizia alla concorrenza, l’innovazione e la ricerca, le finanze pubbliche sane e un’elevata libertà imprenditoriale.

Al fine di promuovere la piazza economica svizzera, sono state adottate misure come l’abolizione dei dazi sui prodotti industriali, entrata in vigore il 1° gennaio 2024. Inoltre, la Svizzera si impegna a mantenere relazioni stabili con l’UE e a concludere nuovi strumenti bilaterali e multilaterali. Cerca anche ulteriori opportunità di cooperazione con i suoi partner commerciali più stretti, in particolare per garantire catene del valore sicure.

In passato, la Svizzera ha evitato di adottare una politica industriale verticale per promuovere singoli settori. Questa scelta si basa sul rischio di distorsioni del mercato, incentivi sbagliati e costi elevati per i contribuenti. Inoltre, la Svizzera non dispone delle dimensioni del mercato nazionale né delle strutture economiche necessarie per utilizzare risorse di politica industriale.

- Pubblicità -

CH PRESS LIVE

- Pubblicità -

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Stefania Carmine Studio Immobiliare: Un’assistenza completa nel campo.. immobiliare

Comprare o vendere casa o anche scegliere di ristrutturarla: decisioni importanti, in cui è...

SOCIETÀ FIDUCIARIA E CONSULENZA SA: DAL 1962 IL TUO MIGLIOR ALLEATO DEL SETTORE A LUGANO

Società Fiduciaria e Consulenza SA è stata fondata nel 1962 dalla famiglia Perucchi, già...

DIFINO POSA PIASTRELLE: I MIGLIORI PAVIMENTI E RIVESTIMENTI A MENDRISIO

Quando si tratta di posa delle piastrelle e rivestimenti, è necessario affidarsi ai...

- Pubblicità -