SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

La prima conferenza, mercoledì 27 gennaio alle ore 20.30, con il Professor Samuele Vorpe, sul nuovo accordo d’imposizione dei lavoratori frontalieri.

Sempre più toccati da temi complessi, per tutti noi è oggettivamente difficile districarci fra le diverse opinioni e fonti di informazione. I Verdi, grazie alla disponibilità di professionisti, desiderano dare il loro contributo favorendo anche un contatto e uno scambio facile e diretto che in questo periodo di pandemia non è scontato.

A partire da settimana prossima, i Verdi del Ticino offriranno alla popolazione un ciclo di conferenze online via zoom. Grazie alla presenza di esperti e al contributo dei Verdi nei vari comuni, è stato possibile organizzare conferenze su tematiche varie così da facilitare la discussione su temi specifici e l’interazione con le domande del pubblico. Gli appuntamenti a distanza avverranno tramite zoom al link disponibile sulla home page del sito www.verditicino.ch.

Si affronteranno temi legati all’attualità, alla nostra quotidianità, al nostro Comune, al futuro del nostro Cantone e non solo. Per esempio, come muoversi fra gli aiuti previsti per fare fronte all’emegenza Covid? A chi mi posso rivolgere? Come uscire dalla crisi che ci sta investendo? Come contribuire alla lotta contro la crisi climatica? Come partecipare alla transizione energetica? Come interpretare il nuovo accordo sui frontalieri?

Sarà proprio un tema di stretta attualità, il nuovo accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri, ad inaugurare il ciclo di conferenze tematiche. La conferenza, organizzata con la collaborazione dei Verdi del Mendrisiotto, avrà luogo Mercoledì 27 gennaio 2021, alle ore 20.30. L’esperto ospite, intervistato da Filippo Piffaretti, candidato al Municipio di Novazzano, sarà il Professor Samuele Vorpe, Responsabile del Centro competenze tributarie della SUPSI. La serata sarà l’occasione per conoscere i cambiamenti che porterà la ratifica del nuovo accordo sui lavoratori frontalieri, recentemente negoziato con la vicina Penisola, capire le conseguenze per il Cantone Ticino e i suoi Comuni, le diverse reazioni in seguito alla comunicazione sull’accordo, sapere quali saranno le misure di controllo da implementare. Al termine della discussione il pubblico collegato potrà porre le sue domande.