FrenchGermanItalian

24 ore su 24 le notizie politiche del Canton Ticino e della Svizzera

Editoriale redatto da giornalisti iscritti al Registro FIG e accreditati presso il Consiglio di Stato del Canton Ticino.

Ignazio Cassis firma un memorandum d’intesa sulla gestione del rischio di catastrofi in Pakistan

- Pubblicità -

Il memorandum d’intesa tra Svizzera e Pakistan, firmato l’8 luglio a Islamabad dal capo del DFAE Ignazio Cassis alla presenza del primo ministro pakistano Shehbaz Sharif, mira a migliorare la prevenzione e la risposta alle catastrofi naturali in Pakistan, una regione densamente popolata e particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici.

La Svizzera ha sempre dimostrato una forte solidarietà nei confronti del Pakistan, soprattutto dopo le devastanti inondazioni del 2022. Il cambiamento climatico è una delle principali sfide che l’intera regione dell’Asia del Sud deve affrontare. In Pakistan, il livello del mare si sta innalzando, le precipitazioni monsoniche si intensificano e lo scioglimento dei ghiacciai è sempre più rapido. Tutto ciò rende il Paese particolarmente vulnerabile alle catastrofi naturali.

L’obiettivo del MoU firmato questa mattina è incoraggiare una maggiore cooperazione tra Svizzera e Pakistan nella gestione del rischio di catastrofi. In particolare, si mira a mettere in comune risorse, conoscenze ed esperienze nella gestione del rischio di catastrofi naturali.

La visita del capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in Pakistan sottolinea l’importanza della regione per la Svizzera. Dopo essersi recato in Kazakstan e in Uzbekistan, l’8 e il 9 luglio il capo del DFAE prosegue il suo viaggio in Pakistan su invito del primo ministro Shehbaz Sharif.

Il Pakistan sta affrontando una serie di crisi, tra cui l’afflusso di migranti. La visita a Islamabad è stata l’occasione per affrontare queste e altre questioni, quali le sfide climatiche, gli investimenti nelle infrastrutture, il rispetto delle minoranze religiose, lo sviluppo dei servizi turistici e la cooperazione scientifica.

Insieme alla Ministra per i Cambiamenti climatici, Sherry Rehman, la delegazione svizzera ha analizzato le conseguenze delle inondazioni del 2022 e ha esaminato da vicino lo stato dei lavori di riabilitazione. Infine, nella capitale pakistana, il consigliere federale Cassis ha avuto modo di intrattenere colloqui con diversi rappresentanti politici ed economici.

La Svizzera e il Pakistan intrattengono relazioni diplomatiche da molto tempo. Dopo la guerra del 1965 tra Pakistan e India, la Svizzera ha rappresentato gli interessi del Pakistan in India e viceversa. Con una popolazione di oltre 230 milioni di persone, il Pakistan è il quinto Paese più popoloso del mondo e ha un potenziale economico ancora non sfruttato.

Il capo del DFAE e la sua delegazione avranno l’opportunità di incontrare le autorità regionali della dinamica provincia del Sindh. Il Consigliere federale visiterà le aziende svizzere con sede a Karachi e avrà colloqui con i loro dirigenti durante una cena organizzata con lo Swiss Business Council.

Inoltre, la visita della delegazione svizzera in Pakistan ha sottolineato l’importanza della cooperazione internazionale nella gestione del rischio di catastrofi naturali. La Svizzera ha una vasta esperienza nella gestione di catastrofi naturali e può offrire al Pakistan importanti conoscenze ed esperienze in questo campo.

- Pubblicità -

CH PRESS LIVE

- Pubblicità -

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

MATCO SA DI LUGANO: QUANDO L’ARREDAMENTO È PASSIONE DI FAMIGLIA

Stefano Mantovani il 1° gennaio 2021 ha rilevato la ditta MATCO SA, azienda specializzata...

Studio Fisio-T: trattamenti personalizzati per una riabilitazione completa

Recuperare la forma dopo un infortunio o un periodo di forte stress psicofisico non...

BADALUCCI – TASTE OF ART: IL RISTORANTE DI LUGANO CHE CELEBRA L’ARTE CULINARIA

Badalucci - Taste of Art è un ristorante gourmet che si distingue dagli altri...

- Pubblicità -